Ci vuole un seme.

IMG_7482

Oggi pomeriggio l'ho imbacuccato e siamo usciti fuori. Si, faceva un freddo cane e non c'era il sole, inverno in poche parole, ma avevo una voglia matta di fargli piantare il basilico! E per farlo ho scelto 2 vasetti: uno dipinto a mano da Mirella, mia cugina e l'altro che mi aveva regalato il suo papà. Lo zio Mario. Proprio mentre mettevamo i semini nella terra, da un'altra parte, a Capua, lo zio se ne andava.

IMG_7478

Dopo la diretta domani volerò a casa, per stare in famiglia.

DSC_1274

Una famiglia calda, sana, amante del buon cibo, della vita e del Napoli. Zio, quella squadra ha perso il tifoso numero uno!

DSC_1268

I semini diventeranno basilico. Abbelliranno quel vasetto verde a fiorellini bianchi. C'era una bellissima begonia gigante, prima. Ne cercherò un'altra, la pianterò. In terra, dedicata a Te.

Ci vuole un seme, la vita, per replicare alla morte.

Commenti

ciao  paoletta sono

ciao  paoletta

sono dispiaciuta per la morte di tuo zio ..dalle tue parole si capisce che gli volevi molto bene

come dici tu ci vuole la vita, l'amore di tuo figlio e della tua bella famiglia per replicare alla morte

mariagrazia

Condoglianze

Ritratto di amerikanodicoppa

Cara Paoletta, io sono convinto che anche da lassù tuo zio riuscirà a seguire il suo adorato Napoli... Condoglianze vivissime a te e a tutti i tuoi cari colpiti da questo lutto.

@XINA - Magari il problema nel vestiario dei bambini fosse solo il cappellino!  Ai nonni iperprotettivi, se ti è possibile, prova a far leggere l'articolo dedicato a questo argomento su www.sportwork.net nella rubrica i consigli del DOC... non ci spero molto, ma potrebbe darsi che almeno un po' si convincano

 

Carlo

Ciao zio

Ciao zio Mario.

Non ci vedevamo da tempo ma sei sempre stato per me carissimo.

Ero convinto che tu fossi Don Camillo, lo stesso sorriso travolgente.

Il mio ricordo più bello con te: campeggio di Vieste, io avevo, bho, 8 o 9 anni. Mi svegliavi alle 6 bussando leggermente alla nostra roulotte, e io saltavo giù. E insieme andavamo a pescare piccoli, immangiabili pesciolini. 

Mi ricordo me su quello scoglio, e te col cappellino vicino a me. Credo sia l'immagine più vicina a quella di un nonno che ho mai avuto.

Ciao zio.

 

Mauro